Cassazione Penale, Sezione quarta, sentenza n. 38425 del 18 settembre 2013

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cassazione Penale, Sezione quarta, sentenza n. 38425 del 18 settembre 2013

Messaggio  Luca Ricci il Dom Mag 18, 2014 8:44 pm

Corte di Cassazione Penale - Sezione IV, Sentenza n. 38425 del 18/09/2013
Circolazione Stradale - Artt. 186 e 213 del Codice della Strada - Guida sotto l'influenza dell'alcool - Patteggiamento - Applicazione delle sanzioni accessorie - Confisca del veicolo - In relazione alla sanzione amministrativa accessoria della confisca del veicolo appartenente all'imputato, il requisito normativo dell'"appartenenza" va inteso non tanto nel dato della formale intestazione dei veicolo nei pubblici registri, bensì "l'effettivo e concreto dominio" sullo stesso insito nel possesso o nella disponibilità non occasionali, in capo al responsabile della contravvenzione.

RITENUTO IN FATTO

Il Tribunale di Genova in composizione monocratica, con sentenza emessa ex art. 444 cod. proc. pen. in data 10 novembre 2010, applicava a T. P. - quale responsabile della contravvenzione di cui all'art. 187 C.d.S., comma 1, commessa in (OMISSIS), la pena di mesi DUE di arresto e di Euro 1.000,00 di ammenda - pena sospesa - cui seguiva la sospensione della patente di guida per mesi SEI.

Ricorre per cassazione il Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte d'appello di Genova, denunziando vizi di inosservanza ed erronea applicazione della legge e della motivazione per avere il Giudice di prime cure omesso di disporre la confisca del veicolo condotto dall'imputato, non essendo emerso che questo, al di là della formale intestazione, appartenesse a persona estranea al reato ne' in tal senso risultando motivata la sentenza. Deduce altresì il ricorrente che, qualora risultasse accertato che il veicolo apparteneva effettivamente a persona estranea al reato, la sospensione della patente di guida avrebbe dovuto esser raddoppiata, come previsto dalla norma; statuizione invero non applicata con la sentenza impugnata.

CONSIDERATO IN DIRITTO

Il ricorso è fondato.

La sentenza impugnata, come correttamente lamenta il ricorrente, pur applicando, ex art. 444 cod. proc. pen., all'imputato quale responsabile della contravvenzione di cui all'art. 187 C.d.S., comma 1, la pena concordata tra le parti, omette tuttavia di adottare le statuizioni sanzionatorie accessorie, previste dalla legge (ed ovviamente escluse dall'accordo sulla pena) ovverosia di disporre la confisca del veicolo condotto dal prevenuto in condizioni di alterazione psico-fisica dovuta all'uso di sostanze stupefacenti (ed esattamente individuato nel capo di imputazione con i relativi estremi della targa) in caso di appartenenza di esso all'imputato, come obbligatoriamente previsto anche in caso di sentenza di patteggiamento - ancorché sia concessa la sospensione condizionale della pena - a norma dell'art. 187 C.d.S., comma 1, come novellato dal D.L. 3 agosto 2007, n. 117, art. 5, comma 2, lett. a) convertito, con modificazioni, in L. 2 ottobre 2007 n. 160. La motivazione della sentenza non contiene in verità il benché minimo accenno ad un siffatto accertamento preordinato all'applicazione della sanzione amministrativa accessoria in questione, rilevandogli effetti del requisito normativo dell'"appartenenza", com'è noto, non tanto il dato della formale intestazione dei veicolo nei pubblici registri, bensì "l'effettivo e concreto dominio" sullo stesso insito nel possesso o nella disponibilità non occasionali, in capo al responsabile della contravvenzione (Sez. 4 n. 20610 del 2010).
In via alternativa, qualora il veicolo risulti appartenere a terzi estranei al reato, avrebbe dovuto farsi luogo, giusta la stessa disposizione di legge testé menzionata, al raddoppio della sospensione della patente di guida, edittalmente pari - nel minimo - ad UN anno; donde l'illegalità per difetto, in tal caso, della durata di detta sanzione amministrativa accessoria fissata dal Giudice di prime cure, in mesi SEI. La sentenza impugnata deve quindi esser annullata in punto alla confisca del veicolo ed alla durata della sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida, con rinvio al Tribunale di Genova che preliminarmente dovrà accertare, in punto di fatto, quale relazione di eventuale appartenenza intercorra tra il veicolo e l'imputato per esser in condizioni di poter conseguentemente adottare le omesse, soprarichiamate statuizioni.

P.Q.M.

[La Corte] Annulla la sentenza impugnata limitatamente ai punti della durata della sospensione della patente e della confisca, con rinvio al Tribunale di Genova.

Così deciso in Roma, il 4 giugno 2013.
Depositato in Cancelleria il 18 settembre 2013.

_________________
per contattare Luca Ricci (snoopy)  se è possibile utilizzate sempre il forum altrimenti:
Luca Ricci cellulare 3482821706 (sempre acceso)
contatto skype = snoopy.luca
e mail = acr@lucaricci.it
è gradito un sms di pre-contatto del tipo:
" sono PINCO PALLO quando la posso chiamare ?"
in caso invece di verbale in corso chiamare a voce ed esordire con la frase " aiuto multa in corso "
in caso di difficoltà nella procedura per iscriversi al forum segnalatemelo con sms
avatar
Luca Ricci
Admin

Messaggi : 597
Data d'iscrizione : 18.12.12

Vedi il profilo dell'utente http://acromagna.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum