Differenza fra bici elettriche a pedalata assistita e ciclomotori elettrici

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Differenza fra bici elettriche a pedalata assistita e ciclomotori elettrici

Messaggio  Luca Ricci il Sab Lug 26, 2014 7:42 pm

Differenza fra bici elettriche a pedalata assistita e ciclomotori elettrici

Quello delle bici elettriche è un tema su cui si fa ancora molta confusione. Alcuni (pochi per fortuna) negozianti disonesti se ne approfittano, spacciando altri mezzi per bici elettriche. In questo articolo si cercherà di fare un po’ di chiarezza fra i numerosi termini (bici elettriche, bici a pedalata assistita, bipa, pedelec…) che vengono usati nel settore.

Uno dei vantaggi dell’avere una bici (elettrica o meno) è che può essere usata sia lungo le strade, sia lungo le piste ciclabili; inoltre, non ha bisogno di costose immatricolazioni e assicurazioni e chi la guida non ha l’obbligo del casco…chi vuole una bici, vuole anche tutti questi vantaggi. Ha quindi senso, per fare chiarezza su questo argomento, partire dalla legge, e capire che cosa è ufficialmente classificato come “bici”, e che cosa invece non lo è.

Il codice della strada (italiano e europeo) pone una serie di limiti ben precisi alla potenza delle bici elettriche; i mezzi che hanno un motore che supera questi limiti possono anche avere due ruote e dei pedali, ma non sono ufficialmente “bici”, bensì dei ciclomotori: in pratica dei motorini che invece di avere un motore a scoppio hanno un motore elettrico, e devono quindi avere targa assicurazione eccetera. Quali sono quindi questi limiti da non superare?


Il motore deve avere una potenza nominale massima di 250W
Il motore si deve attivare automaticamente, e solo in contemporanea alla pedalata; se i pedali sono fermi, il motore deve spegnersi.
La potenza fornita dal motore deve interrompersi del tutto al raggiungimento dei 25 km/h.


Le bici con motore elettrico che rispettano questi criteri sono chiamate “bici a pedalata assistita”, “bipa” o “pedelec”. Più ambiguo è il termine “bici elettrica”: viene spesso usato indistintamente per indicare sia le bici a pedalata assistita, che quei mezzi con motori potenti, che superano i limiti indicati sopra, e che, a rigor di legge, non sono in realtà bici, ma ciclomotori elettrici, come si diceva prima.


L’ambiguità è propria anche del termine inglese “ebike”, spesso usato anche da noi: negli Stati Uniti tra l’altro non esistono le distinzioni giuridiche di cui abbiamo parlato, per cui anche mezzi molto potenti possono girare lungo le piste ciclabili senza targa.

In questo sito parleremo quasi esclusivamente di mezzi riconosciuti dalla legge come “bici”; nei rari casi in cui tratteremo di mezzi più potenti (come ad esempio nella sezione “bici estreme”) specificheremo sempre che si tratta di veicoli che possono circolare solo con targa e assicurazione.



Alcune considerazioni sui limiti di potenza per le bici elettriche

Differenze bici elettriche / ciclomotori elettrici I limiti alla potenza del motore delle bici elettriche a pedalata assistita indicati prima sono stati introdotti dalla direttiva europea 2002/24/CE, recepita in Italia con un decreto del 31 gennaio 2003. Secondo alcuni, i limiti sono troppo….limitanti, e andrebbero alzati. Noi non siamo d’accordo. Cerchiamo di spiegare il perché.

Le bici a pedalata assistita devono poter convivere con le bici normali, condividendo ad esempio le piste ciclabili. La limitazione a 250W e 25 km/h permette di raggiungere questo scopo. Avere bici elettriche che sfrecciano ai 40, 45, o 50 km/h sulle piste ciclabili, accanto a bici normali guidate magari da persone che giustamente vogliono andare piano, sarebbe molto pericoloso.

Nel momento in cui si fanno campagne per ridurre la velocità delle automobili nei centri urbani, ponendo limiti a 30 km/h, che senso ha mandare all’aria la “mobilità dolce” e reintrodurre la velocità proprio sulle biciclette?

C’è chi dice che 250W siano troppo pochi in salita. Questa è una considerazione soggettiva, influenzata tra l’altro da molti fattori (pendenza della salita, peso del complesso bici + ciclista…). È comunque raro che si debbano affrontare lunghe salite quotidianamente, a meno di non essere il gestore di un bar sul Passo Pordoi (:-P), quindi ci si può forse accontentare di andare un po’ più piano per qualche breve tratto, o allenarsi un po’ e spingere un po’ di più sui pedali, aiutando il motore.

Senza contare poi che motori più potenti richiederebbero batterie molto più grosse e pesanti, rendendo il mezzo in generale meno efficiente.

_________________
per contattare Luca Ricci (snoopy)  se è possibile utilizzate sempre il forum altrimenti:
Luca Ricci cellulare 3482821706 (sempre acceso)
contatto skype = snoopy.luca
e mail = acr@lucaricci.it
è gradito un sms di pre-contatto del tipo:
" sono PINCO PALLO quando la posso chiamare ?"
in caso invece di verbale in corso chiamare a voce ed esordire con la frase " aiuto multa in corso "
in caso di difficoltà nella procedura per iscriversi al forum segnalatemelo con sms

Luca Ricci
Admin

Messaggi : 595
Data d'iscrizione : 18.12.12

Vedere il profilo dell'utente http://acromagna.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum