A CERVIA PARTONO I SEQUESTRI PENALI DEI CONTATORI ENEL: RIPORTANO MARCHI CE CONTRAFFATTI E NON SONO A NORMA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

A CERVIA PARTONO I SEQUESTRI PENALI DEI CONTATORI ENEL: RIPORTANO MARCHI CE CONTRAFFATTI E NON SONO A NORMA

Messaggio  Luca Ricci il Mar Gen 13, 2015 10:21 am

A CERVIA PARTONO I SEQUESTRI PENALI DEI CONTATORI ENEL: RIPORTANO MARCHI CE CONTRAFFATTI E NON SONO A NORMA

Qualche giorno fa abbiamo pubblicato un articolo importante che, inevitabilmente ha sensibilizzato l'attenzione di decine di migliaia di consumatori italiani. Se n'è parlato ovunque, sui social network e in contesti familiari di tutta Italia. La colossale truffa dei contatori Enel tocca molti di noi da vicino, perché le bollette siamo costretti a pagarle tutti e molto spesso, ammettiamolo, non ci troviamo d'accordo sui consumi e ci ritroviamo impotenti di fronte ad un Ente pubblico che fa man bassa delle nostre sostanze nei conti correnti. Stiamo parlando di circa 30 milioni di unità installate direttamente nelle nostre case, contatori che rappresentano un argomento spinoso di cui nessuno si è mai voluto occupare veramente e concretamente..


Sono molti gli articoli che si sono susseguiti e dilungati in merito all'effettiva capacità di questi "contatori" di misurare i chilowatt di corrente che noi consumiamo nelle nostre abitazioni. Non ci addentreremo tra i meandri di queste discussioni perché, riteniamo sia totalmente inutile perder tempo a parlare di precisione, di misurazione, con qualcosa che non è omologato in termini di metrologia legale né quindi riconosciuto come apparecchio di misura. Riteniamo che per misurare qualcosa, qualsiasi cosa, necessitano determinate qualità e proprietà.. Qualità e proprietà che l'apparecchio denominato in modo per noi errato "contatore Enel" non possiede affatto. Il contatore Enel non rientra nella metrologia legale né porta la marchiatura che lo riconosce come apparecchiatura idonea per tale scopo. Questi discorsi verranno quindi affrontati da un noto Ente certificato e riconosciuto a livello internazionale che oggi ci ha proposto totale appoggio in questa causa.. Una causa che deve e vuole far chiarezza la dove si può e rimediare a troppi errori commessi in passato per leggerezze legislative e favoritismi.

Noi siamo Liberazione italiana, siamo un gruppo di cittadini attivi che fanno denuncia di ogni illecito e a questo per ora vogliamo attenerci, perché è li che sappiamo dare i nostri migliori risultati.





Ciò che interessava a noi era materia che abbiamo più volte trattato e su cui abbiamo esperienza.. La marchiatura CE non conforme ci basta e avanza per procedere nei confronti di Enel distribuzione ed affermare senza alcun indugio che, a prescindere da quel che possano dire i responsabili di Enel appellandosi a decreti fatti dalla sera alla mattina, per noi quelle apparecchiature non possono circolare sul territorio nazionale né essere utilizzate per i fini a cui sono state destinate. La normativa in materia di contraffazione è chiara..! O ci sono i requisiti o non ci sono, c'è poco da dire..! Ad oggi non siamo riusciti ad avere uno straccio di conformità CE su quelle apparecchiature, nonostante le avessimo chieste in più occasioni. Ancora peggio è che l'apparecchiatura viaggia senza essere accompagnata dal certificato di conformità, né da libretto di istruzioni, uso e manutenzione. Viene semplicemente installata a cura di Enel distribuzione e da quel momento si è semplicemente obbligati a pagare quello che dicono i vari distributori.

No cari Signori, questo non è più accettabile oltre che incostituzionale. Finiamola di farci prendere in giro..!

Abbiamo assistito direttamente al sequestro di uno di questi contatori da parte della Guardia di Finanza. Uno dei nostri lettori più attenti, in seguito al nostro articolo ha sporto immediatamente denuncia. Io stesso ho voluto presenziare per documentarvi al meglio in merito alle modalità in cui si sono svolte le operazioni. La Signora che ringraziamo, ci ha offerto piena disponibilità per l'occasione.

Nella mattinata di ieri, in località Pisignano di Cervia, in seguito alla segnalazione della Sig.ra Bianca la quale dichiarava che il suo "contatore" riportava un marchio CE sospetto, è intervenuta una squadra della Guardia di Finanza di Ravenna. Da un primo sopralluogo è stata verificata la veridicità delle affermazioni e in breve, la palese contraffazione del marchio CE su quel contatore. Si è proceduto così poco dopo, ad avvisare Enel distribuzione dell'avvenuto sequestro penale della loro apparecchiatura ai sensi del Art. 354 c.p.p. Il contatore veniva quindi piombato e nominata custode la Sig.ra Bianca alla quale comunque veniva lasciata l'opportunità di usufruire dell'energia elettrica quale bene di prima necessità fino a quando i tecnici non sarebbero intervenuti.



Nella giornata di oggi 12/01/2015, alle ore 15:00 sono intervenuti i tecnici in presenza di un responsabile territoriale di Enel distribuzione per la sostituzione del suddetto contatore in presenza degli agenti. E' stato richiesto dagli addetti Enel di visionare l'interno del contatore per verificare "eventuali guasti o anomalie", ma tutto ciò è stato assolutamente vietato dal Maresciallo perché il contatore sottoposto a sequestro avrebbe potuto essere visionato solo di fronte ad un perito specializzato nominato dal magistrato. E poi il Maresciallo giustamente ha ricordato che si trattava di contraffazione e non di guasti tecnici.

Il contatore nuovo è stato installato, riportava tutti i marchi conformi come segnalati nel nostro articolo precedente, ma alla nostra richiesta del certificato di conformità CE per quell'apparecchio nuovo, ci veniva negato. Abbiamo chiesto chiarimenti in merito, ma a quanto pare il responsabile territoriale di Enel distribuzione non aveva molte risposte da fornirci, anzi propendeva nel restare il più possibile evasivo alle mie domande incalzanti. Alla fine ci ha dato un numero di fax, a cui inviare richiesta della documentazione inerente alla conformità CE dell'apparecchiatura installata. Nella giornata di domani la Sig.ra Bianca invierà specifica richiesta, forse sarà più fortunata di noi..? Noi ci abbiamo già provato la settimana scorsa allo stesso numero, siamo ancora in attesa..

Si saranno dimenticati di risponderci..? O non hanno risposte da inviarci..?


http://www.liberazioneitaliana.it/news/partono-i-sequestri-penali-dei-contatori-enel-riportano-marchi-ce-contraffatti-e-non-sono-a-norma/

nella foto sotto un contatore regolare a destra e irregolare a sinistra






***************************
per ulteriori informazioni
per info Luca Ricci 3482821706
Articolo di Molinari Raffaele 3406524252 per Liberazione italiana

_________________
per contattare Luca Ricci (snoopy)  se è possibile utilizzate sempre il forum altrimenti:
Luca Ricci cellulare 3482821706 (sempre acceso)
contatto skype = snoopy.luca
e mail = acr@lucaricci.it
è gradito un sms di pre-contatto del tipo:
" sono PINCO PALLO quando la posso chiamare ?"
in caso invece di verbale in corso chiamare a voce ed esordire con la frase " aiuto multa in corso "
in caso di difficoltà nella procedura per iscriversi al forum segnalatemelo con sms
avatar
Luca Ricci
Admin

Messaggi : 603
Data d'iscrizione : 18.12.12

Vedi il profilo dell'utente http://acromagna.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum